Menu
chiudi
header-alex-filz
Birra non filtrata
bier

Qualità da gustare

Birra dell’Alto Adige

Nella birra dell’Alto Adige a fare la differenza è la qualità degli ingredienti. La birra dell’Alto Adige si fregia del Marchio di Qualità Alto Adige dal 2013, dopo essere riuscita a soddisfare una serie di severi criteri di qualità.
kriterien-frieder-blickle

Quali sono i principali criteri di qualità?

  • Gli ingredienti base (cereali per la birrificazione ovvero malto e acqua) devono provenire dall’Alto Adige
  • Orzo, frumento e i malti che se ne ricavano devono rispondere a severe norme qualitative
  • Non sono ammessi estratti di malto o lievito nonché additivi alimentari
  • Non pastorizzata e non filtrata
  • Regolari controlli da parte di enti di controllo indipendenti
Vuoi diventare fruitore del Marchio di Qualità?
Ecco come fare
bier-03

La birra dell’Alto Adige in cifre

9
birrifici dell’Alto Adige producono birra con Marchio di Qualità Alto Adige secondo l’antica tradizione artigianale.
15.000
chili di orzo dell’Alto Adige vengono messi annualmente a disposizione dei birrifici in Alto Adige.
1.000
litri di birra dell’Alto Adige richiedono, per la preparazione, 200 chili di orzo.
75.000
litri di birra con Marchio di Qualità Alto Adige vengono prodotti annualmente.
Sta cercando ricette, news ed eventi dedicati alla birra dell’Alto Adige?
Qui è al posto giusto!
bier-02

Come viene prodotta la birra con Marchio di Qualità Alto Adige?

All’inizio malto (si tratta di orzo germinato ed essiccato), acqua e luppolo vengono miscelati e poi riscaldati e costantemente mescolati. La parte liquida – il cosiddetto mosto – viene bollita in una caldaia e quindi raffreddata fino a raggiungere la temperatura di fermentazione. A seconda della varietà di birra si aggiunge poi la giusta tipologia di fermenti. La fermentazione primaria dura una settimana circa, seguita da quattro a sei settimane di riposo in cantina. La birra con Marchio di Qualità Alto Adige non viene ulteriormente riscaldata né filtrata, rimanendo genuina e conservando così il suo gusto inconfondibile.

Quali varietà di birra ci sono?

Il mondo della birra in Alto Adige vanta una grande varietà – dalla birra più morbida e leggera fino a quella più forte e speziata. Di base, a seconda del metodo di fermentazione, si distinguono le varietà di birra a bassa fermentazione (temperatura di fermentazione compresa tra i 4° e i 9° C) e birra ad alta fermentazione (temperatura di fermentazione tra i 15° e i 20° C).
Bierspezialitäten
Birra di marzo
Storia: veniva tradizionalmente prodotta in marzo e posta, coperta di ghiaccio, in profonde cantine, così da essere disponibile in estate

Temperatura di fermentazione: bassa fermentazione

Gusto: deciso

Colore: da giallo scuro ad ambrato

Gradazione alcolica: fino a 6% vol
Bierspezialitäten
Chiara
Storia: a partire dal 1900, sotto l’influenza della Baviera, è diventata sempre più apprezzata anche in Alto Adige

Temperatura di fermentazione: bassa fermentazione

Gusto: leggermente amaro

Colore: giallo chiaro

Gradazione alcolica: intorno al 5% vol
Bierspezialitäten
Lager viennese
Storia: è stata sviluppata nel 1841 dal pioniere austriaco della birra Anton Dreher e un tempo era assai diffusa in Alto Adige

Temperatura di fermentazione: bassa fermentazione

Gusto: maltato con una più decisa nota di luppolo

Colore: ambrato

Gradazione alcolica: fino a 5% vol
Bierspezialitäten
Bock
Storia: importata originariamente dalla Germania settentrionale, è giunta in Alto Adige insieme alla cultura tedesca della birra

Temperatura di fermentazione: bassa fermentazione

Gusto: maltato, deciso, marcatamente amaro

Colore: prevalentemente scuro

Gradazione alcolica: oltre i 6% vol
Bierspezialitäten
Alle spezie e erbe aromatiche
Storia: diffusa in tutto l’Alto Adige durante il Medioevo, sta vivendo ora una vera e propria rinascita

Temperatura di fermentazione: alta fermentazione

Gusto: speziato

Colore: da giallo chiaro a nero

Gradazione alcolica: varia a seconda della tipologia di birra